ROSARIO TRADIZIONALE POPOLARE ALLA VERGINE ASSUNTA

(che si recita a Maiori dal 15 luglio al 14 agosto, nel mese di preparazione alla festa dell’Assunta del 15 agosto)

PREGHIERA INIZIALE ALLA SS. TRINITÀ
Gloria a Voi, o Padre eterno, gloria a Voi, Figliuol divino, gloria a Voi, Spirito Superno, quale sempre sarà, per mezzo dell’eternità. Maria, o Maria, tu sai i miei guai, se vuoi e tu puoi, o Maria, aiutarmi puoi. O bella mia Maria, tu, caro mio Gesù, a voi dono il cuore mio e non lo voglio più. A voi dono il cuore mio e non lo voglio più.

MISTERI GAUDIOSI
(da recitarsi il LUNEDI e il GIOVEDI)

1° mistero
MADRE SEI DEL SALVATORE, S’INCARNAIE PER AMORE, DALL’ANGELO SALUTATA E DA DIO FOSTI ESALTATA.

2° mistero
NEL VISITARE ELISABETTA SI PARTÌ CON GRANDE FRETTA E IL BATTISTA NON ANCOR NATO NE RESTÒ SANTIFICATO.

3° mistero
AL PARTO GLURIUSE NELLA STALLA SI NASCUSE E CIBASTI IL BEL BAMBINO CON IL LATTE TUO DIVINO.

4° mistero
IL BAMBINO È NATO È NATO E NEL TEMPIO FU PRESENTATO, L’ABBRACCIAIE SAN SIMEONE CON UNA GRANDE DEVOZIONE.

5° mistero
ALLA PERDITA DI GESÙ LA TUA DOGLIA ACERBA FU, LO TROVASTI DOPO TRE SERE DISPUTANTE PER LA FEDE.

MISTERI DOLOROSI
(da recitarsi il MARTEDI e il VENERDI)

1° mistero
IL BUON GESÙ NELL’ORTO HA BISOGNO DI CONFORTO, AGONIZZA, GEME E LANGUE, PER AMORE SUDÒ SANGUE.

2° mistero
ALLA COLONNA FU LEGATO, DAI GIUDEI FU FLAGELLATO, SUPPURTASTI PER AMORE PEI PERVERSI PECCATORI.

3° mistero
LE TEMPIE TUE DIVINE CORONATE DALLE SPINE, E SPUTARONO IL TUO BEL VISO, O GRAN RE DEL PARADISO.

4° mistero
LA SPALLA ADDOLORATA DELLA CROCE CARICATA, L’INCUNTRASTE E L’ABBRACCIASTE, POI DI LACRIME LO BAGNASTE.

5° mistero
ALLA CROCE FU INCHIODATO PER IL MIO GRAN PECCATO E TU, VERGINE DOLENTE, LO PIANGESTI AMARAMENTE.

MISTERI GLORIOSI
(da recitarsi il MERCOLEDI, il SABATO e la DOMENICA)

1° mistero
RIFIORISCE IL TUO BEL GIGLIO E LA CARNE DEL TUO FIGLIO DAL SEPOLCRO GLORIOSO NE USCÌ VITTORIOSO.

2° mistero
DAL MONDO AL CIEL ASCENDE DEL SOLE PIÙ RISPLENDE, TU GODI, BELLA MADRE, CHE IL TUO FIGLIO ASCENDE AL PADRE.

3° mistero
DAL CIELO FU MANDATO LO SPIRITO SANTO AMATO, LA VERGINE BRUCIAIE E GLI APOSTOLI INFIAMMAIE.

4° mistero
AL CIELO FU MANDATA L’ANIMA TUA BEATA E ASSUNTA DAL TUO SPOSO COL TUO CORPO GLORIOSO.

5° mistero
LE DIVINE TRE PERSONE A VOI DONAN TRE CORONE E OGNUNA ESCLAMA E DICE CHE VOI SIETE L’IMPERATRICE.

GIACULATORIE DA RECITARSI A CORI ALTERNI AL POSTO DELLE AVE MARIA

Nel 1° mistero del Rosario
O MADRE E SIGNORA MIA, ME NE PENTE ASSAIE C’AGGIO OFFESO DIO.

Nel 2° mistero del Rosario
O MADRE DEL GRAN SIGNORE, ME NE PENTE ASSAIE CON TUTTO IL MIO CUOR.

Nel 3° mistero del Rosario
O MADRE DEL BUON GESÙ, E FA CH’IO T’AMI E NON T’OFFENDA PIÙ.

Nel 4° mistero del Rosario
O MADRE AVVUCATA NOSTRA, ME NE RALLEGRO ASSAIE DELLA GLORIA VOSTRA.

Nel 5° mistero del Rosario
VANNE PURE ‘N CIELO, O MARIA, VENITE ALL’ORA DELLA MORTE MIA.

SALVE, DEL CIEL REGINA
1.- Salve, del ciel Regina, madre pietosa a noi, proteggi i figli tuoi, o Madre di pietà.
2.- Pietà dell’anime nostre, dolcezza di chi t’ama, speranza di chi brama la bella eternità.
3.- Alziamo a te la voce d’Eva infelici figli, esuli nei perigli noi ricorriamo a te.
4.- In questa valle orrenda di pianto e di dolore coi gemiti nel cuore ti domandiam mercè.
5.- A noi rivolgi sguardi, nostra avvocata sei, noi siamo indegni e rei, ma siamo tuoi figli ancor.
6.- Coi sguardi tuoi pietosi, dà lumi ai peccatori, accendi i tuoi ardori nel cuor ingiusto ognor.
7.- Dall’infelice esilio guidaci al ciel sereno, il frutto del tuo seno, Gesù, ci mostri un dì.
8.- Regina di clemenza, tu sei la madre mia, docissima Maria, noi speriam così.
9.- Così speriamo in cielo vederci tutti quanti, coi serafini e coi santi per una eternità.

PREGHIERA FINALE
1.- Mi pento, o Dio, non per timor di pene, ma per aver offeso un Sommo Bene. Deh! Fammi grazia tu, mio buon Gesù, ch’io sempre t’ami e non t’offenda più.
2.- E tu, Madre di Dio, Vergine pia, per quante volte l’Ave Maria dich’io, tu presenti la mia preghiera a Dio in questo punto e nella morte mia.

LODE ALLA SANTISSIMA TRINITÀ
1.- Sia lodata e ringraziata la Santissima Trinità, Padre, Figliolo e Spirito Santo, – tre persone e un solo Dio. Lodato sempre sia il nome di Gesù e di Maria.
2.- Maria, mater gratiae, mater misericordiae, tu nos ab hoste protege et mortis hora suscipe.
3.- Jesu, tibi sit gloria, qui natus es de Virgine, cum Patre et almo Spiritu – in sempiterna saecula. Amen!

PREGHIERA PRIMA DELLA LITANIA
O Regina de lu cielo, o divina maestà, chesta grazia ca te cerco fammelle pe’ pietà.
Fammelle, o Maria, e fammelle pe’ carirà, chistu done ca riceviste da la santissima Trinità.
Scese l’angelo da lu ciel e te venne a salutà, ti saluto, o Regina Maria, e nuie cantamme la litanie.

LITANIA
Kyrie, eléison. Kyrie, eléison.
Christe, eléison. Christe, eléison.
Kyrie, eléison. Kyrie, eléison.
Christe, àudi nos. Christe, àudi nos.
Christe, exàudi nos. Christe, exàudi nos.
Pater de coelis Deus, miserere nobis.
Fili Redémptor mùndi, Deus, miserere nobis.
Spiritus Sàncte, Deus, miserere nobis.
Sancta Trinitas, unus Deus, miserere nobis.
Sancta Maria, ora pro nobis.
Sancta Dei Génitrix, ora pro nobis.
Sancta Virgo virginum, ora pro nobis.
Mater Christi, ora pro nobis.
Mater Ecclesiae, ora pro nobis.
Mater Divinae gràtiae, ora pro nobis.
Mater purissima, ora pro nobis.
Mater castissima, ora pro nobis.
Mater inviolàta, ora pro nobis.
Mater intemeràta, ora pro nobis.
Mater amàbilis, ora pro nobis.
Mater admiràbilis ora pro nobis.
Mater boni consilii, ora pro nobis.
Mater Creatòris, ora pro nobis.
Mater Salvatòris, ora pro nobis.
Virgo prudentissima, ora pro nobis.
Virgo venerànda, ora pro nobis.
Virgo predicànda, ora pro nobis.
Virgo pòtens, ora pro nobis.
Virgo clémens, ora pro nobis.
Virgo fidélis, ora pro nobis.
Spéculum justitiae, ora pro nobis.
Sédes sapiéntiae, ora pro nobis.
Càusa nostrae letitiae ora pro nobis.
Vas spirituàle, ora pro nobis.
Vas honoràbile, ora pro nobis.
Vas insigne devotionis, ora pro nobis.
Rosa mystica, ora pro nobis.
Turris davidica, ora pro nobis.
Turris ebùrnea, ora pro nobis.
Dòmus àurea, ora pro nobis.
Foederis arca, ora pro nobis.
Jànua coeli, ora pro nobis.
Stella matutina, ora pro nobis.
Salus infirmòrum, ora pro nobis.
Refùgium peccatòrum, ora pro nobis.
Consolatrix afflictòrum, ora pro nobis.
Auxilium Christianòrum, ora pro nobis.
Regina Angelòrum, ora pro nobis.
Regina Patriarcarum, ora pro nobis.
Regina Prophetàrum, ora pro nobis.
Regina Apostolòrum ora pro nobis.
Regina Màrtyrum, ora pro nobis.
Regina Confessòrum, ora pro nobis.
Regina Virginum, ora pro nobis.
Regina Sanctorum omnium, ora pro nobis.
Regina, sine labe originali concépta, ora pro nobis.
Regina in Caelum Assumpta, ora pro nobis.
Regina sacratissimi Rosarii, ora pro nobis.
Regna pacis, ora pro nobis.

Agnus Dei, qui tollis peccàta mùndi: parce nobis Domine.
Agnus Dei, qui tollis peccàta mùndi: exaudi nos, Domine.
Agnus Dei, qui tollis peccàta mùndi: miserere nobis.

Ora pro nobis, Regna Sacratissimi Rosarii.
Ut digni efficiamur promissionibus Christi

Oremus: Deus, cuius Unigenitus per vitam, mortem et resurrectionem suam, nobis salutis aeternae praemia comparavit: concede quaesumus, ut haec mysteria sacratissimo Beatae Mariae Virginis Rosario recolentes, et imitemur quod continent, et quod promittunt assequamur. Per eundem Christum Dominum Nostrum.
Amen!

LE SETTE ALLEGREZZE DELLA VERGINE

Padre Nostro.- Ave Maria. – Gloria al Padre.

1.- Ave, Maria, Vergine gloriosa, sopra ogni altra donna voi siete beata. Sopra gli angeli siete dignitosa; da Dio Padre diletta chiamata. Siete Madonna tanto miracolosa, da dodici stelle foste incoronata. Siete adorata dalla luna santa, essa vi veste e l’angelo a voi vi canta: ‘Ave, Maria’. Stella mattutina, l’angelo Gabriele vi fu mandato. Io vi saluto, o rosa senza spine, sto ginocchioni e sappia ben parlar, dicendo: Maria, di grazia voi siete piena, dallo Spirito Santo diletta chiamata. Bella Madonna mia, allegrezza prima è il vostro nome, dolcissima Regina.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

2.- Ave, Maria, allegrezza eterna fu la seconda pe’ me’ dà cunsiglie. Bella Madonna mia, allegrezza tale, nove mesi portasti quel giglio. Senza dolore la notte di Natale partoristi Gesù, nobile figlio, senza dolore e nome d’angioletto da sì che nato, Gesù Benedetto.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

3.- Ave, Maria, Vergine intercedente, che allegrezza avisteve in quel Figlio, quando li magi apparvero dall’Oriente; a vostro Figlio scesero a offerire oro, incenso e mirra, soggettamente ora conforto, o Vergine Maria, lo riceveste con tanto bello onore: terza allegrezza, o Mamma, mia Signora.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

4.- Ave, Maria, Vergine fiorita, lo re di Pasqua, giorno benedetto, Gesù risuscitaie la morte mia lu terzo giorno pe’ me’ dà diletto. Bella Madonna mia, ricuordangillo quanne Gesù vo fa ‘na crudezza, il vostro cuore è pieno d’ogni dolcezza, e ricevisteve la quarta allegrezza.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

5.- Ave, Maria, è nato lu re di gloria, Gesù sagliette in cielo coi serafini; vide l’Ascensione cu gran vittoria in compagnia con gli angeli cherubini. Nessun di loro aveva ferma memoria, Gesù lo disse a grandi e piccolini. Gesù sagliette in cielo, cantann osanna. Quinta allegrezza, o figlia di Sant’Anna.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

6.- Ave, Maria, giorno dignitoso, Pasqua rusata con diletto giorno, ai dodici apostoli santi e graziosi che adoravan Dio nel segreto loco, e a li cani giurei invidiosi, parlò lo Spirito Santo con una lampa di fuoco, sopra la testa tua un gran splendore: sesta allegrezza, o mamma, mia Signora.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

7.- Ave Maria, che fuste risuscitata di mezzo agosto; la scrittura dice: anima e corpo in cielo fuste purtata in compagnia con gli angeli felici. Il vostro figlio viene ad abbracciarvi, e fusteve incurunata ‘n Paraviso, viva, eterna scala di fuoco, ferma speranza di ogni anima devota.

Padre Nostro. – Ave Maria. – Gloria al Padre.

PREGHIERE
1.- Ave, Maria, che luce i tuoi splendori sti sette Pater nostre che avimme ritte. So sette Ave Maria al vostro onore. Maria, di mala morte nun me fa murì. Cheste so parole di tanto valore: chi le dice con vero cuore e le fa dire, con questo amore ferma riverenza. Maria ci liberi da ogni brutta sentenza.

2.- Ave, Maria, Vergine potente, beato chi vi serve cu crianze. Sette allegrezze dette alla tua presenza. San Bernardo lo scrisse con certezza. Apposta la regina intercedente, preghiamo Maria che ci dà vittoria, stu munno va in cielo e santa gloria.

3.- Ave, Maria, di mondo regina, stella, dall’alto monte luminosa, scala del cielo e maestà divina, mamma di Gesù mio, diletta sposa. Angeli e arcangeli, tutti a Voi si inchinano, mamma di Gesù mio miracolosa. Donaci grazia, e sia per vostro amore. Sette allegrezze, o mamma, mia signora, sette allegrezze, o vergine Maria, le riceveste dal figlio tuo eterno. Fallo per la tua bella cortesia, scanza la vostra serva da ogni male, da viva fame e da mala compagnia, da morte crudele e da peccato mortale.

4.- Ti prego, Maria, se mi vuoi difendere, se c’è qualcuno, che mi vuole offendere, ti prego, o Maria, per quanto amor mi porti, se mi vuoi liberare da mala morte. Ti prego, o Maria, per quella bella potenza, liberami da male lingue e da sentenze. Ti prego, o Maria, per quanto amor eccessivo: chi mi è cuntrarie, in favor mi sia. Amen e così sia! Sì, gloriosa Vergine Maria.

5.- Sì, o gloriosa figlia di Sant’Anna, alla mia morte non mi abbandonare. Mandatemi nu prete, qualunque sia, che sia eccellente e che sappia ben parlar, che mi confessa st’anema pellegrina e poi sappia ben comunicare. Dall’ora e da lu punte che nasciette stiste cun me e non mi abbandunaste. Da che nasciste la grazia aviste, e nu liette ‘n paraviso te cunciaste. Passe chiù annanze ca’ nun si può ghì; penso alla morte, che avimmo morì. Amen e così sia! Sì, gloriosa Vergine Maria.

INNO A MARIA (Canzoncina)
1.- Ai piedi di Maria – venite tutti ognora, andiamo dalla Signora – e là troveremo pietà.
2.- Voi, che bramate il cielo, – venite da Maria, quella è la vera via, – che accoglie il vero ben.
3.- Chi vuole il paradiso, – chiami sempre Maria, quella è la madre mia, – che accoglie i peccatori.
4.- Al paradiso andiamo, – devoti di Maria, ci andiam con allegria – e con la felicità.
5.- Bellezza del paradiso, – celeste mia regina, o mamma mia divina, – prega Gesù per me.
6.- O stella mattutina, – o sole risplendente, rischiara la mia mente, – o mamma di Gesù.
7.- Tu sei la nostra madre, – la nostra protettrice stu core mio infelice – soccorso vuol da te.
8.- Tu sei la bella stella, – che proteggi Maiori, a te ricorre ognuno, – che grazie ci vuoi far.
9.- Vorrei salire in cielo, – con te in paradiso, vedere il tuo bel viso – e poi veder Gesù.

INNO A SANTA MARIA A MARE (LA DIVA DEL MARE, L’ASSUNTA NEL CIEL)
1.- Leggiadra rifulge – fra mille splendori sul ciel di Maiori – qual fulgida stel.
Rit.: LA DIVA DEL MARE , L’ASSUNTA NEL CIEL
2.- De’ barbari lidi, – dal fiero levante sul flutto spumante – fuggì l’infedel. (Rit.)
3.- In questo bel cielo – comparve più bella dell’alba novella – de’ nembi fra il vel. (Rit.)
4.- O sponde, serbate – l’eterno decoro, il sommo tesoro, – il caro giojel. (Rit.)
5.- Ed Ella, pietosa, – dall’alto del cielo ci spande il suo velo, – ci mostra il suo zel. (Rit.)
6.- Più bella del sole – diffonde splendore, che accende nel core – beate fiammel. (Rit.)
7.- Da’ vati predetta, – formosa ma bruna…la pallida luna – ricalca a sgabel. (Rit.)
8.- Brillante sostiene – sul crine dorato un serto gemmato – di dodici stel. (Rit.)
9.- Estolle sua voce – per l’etra serena la bella sirena – de’ flutti rubel. (Rit.)
10.- Sua voce che narra – sulle ali de’ venti i doni, i portenti, – che spande fedel. (Rit.)
11.- Dal nume tonante – sul fulgido trono ci chiede il perdono – de’ falli crudel. (Rit.)
12.- Ci scanza dal lampo, – dal tuono fremente, dal gonfio torrente, – che schiude l’avel. (Rit.)
13.- Possente respinge – de’ venti sulle ali dei morbi, dei mali – il fiero flagel. (Rit.)
14.- Protegge i suoi figli – in mare ed in guerra e loro disserra – suo sacro mantel. (Rit.)
15.- Del Nume ci sparge – Qual figlia, qual Sposa Qual Madre pietosa – di doni un drappel (Rit.)
16.- Deh! Guarda, Majori, – la bell’Aurora, l’eccelsa Signora, – del Nume l’Ancel.(Rit.)
17.- E sciogli giuliva – dall’intimo petto un Inno d’affetto, – che loda fedel. (Rit.)

RICHIESTA DI BENEDIZIONE
O Cuore Immacolato di Maria, tu sei la madre nostra, sei l’Immacolata Concezione, dacci a tutti noi la tua santa benedizione.

NELL’ULTIMO GIORNO DEL MESE
1.- È già finito – il tuo bel mese – madre cortese – di carità.
2.- È già finito, – ma nel mio petto – per Te l’affetto – non finirà.
3.- Dal tuo bel trono – insieme con i fiori – accetta i cuori – dei tuoi fedeli.
4.- Domani sera – all’ora pia – ‘Ave, Maria’ – con il cuore ti dirò.

SALUTO A MARIA
Vi saluto, Madomma mia, a voi che n’autra donna, quante stelle stanne ‘nciele, quanti fiori stanne all’orte, quant’acqua sta a mare, vi saluto, Madonna mia, vi saluto con l’Ave Maria.