Maiori Festeggia S. Maria a Mare nella Solennità dell’Immacolata e chiude l’Anno Straordinario Mariano

Il prossimo 8 Dicembre, la Città di Maiori vivrà intensamente la Festa di S. Maria a
Mare, Patrona della Città, nella Solennità dell’Immacolata.

Quest’anno i Festeggiamenti assumeranno un carattere particolare in quanto coincideranno con la chiusura dell’Anno Straordinario mariano dedicato a S. Maria a Mare per celebrare e ricordare il 250° Anniversario dell’Incoronazione dell’antica statua da parte del Capitolo Vaticano avvenuta il 13 Agosto 1769.
Il 29 Novembre ha avuto inizio la Novena dell’Immacolata in Collegiata con il S.
Rosario, la Coroncina e la S. Messa.
I festeggiamenti entreranno nel vivo Sabato 7 Dicembre, quando alle ore 17.30 nelle Scale Sante che conducono alla Collegiata, verrà benedetto un pannello in ceramica con una poesia in dialetto napoletano scritta dal poeta maiorese Giuseppe Capone, dedicata alla tradizionale “corsa” della Madonna lungo quelle stesse scale.
Alle ore 18.00, in Collegiata, il Rito del Lucernario, l’Annuncio della Festa e la
Solenne Esposizione dell’antica e miracolosa Statua di S. Maria a Mare, alla quale seguirà la S. Messa.

Domenica 8 Dicembre, giorno della Festa, al mattino le strade saranno invase dal
suono melodioso del Gruppo di Zampogne e Ciaramelle “Symphonia” che
annunceranno l’imminente arrivo del Natale. In Collegiata saranno celebrate le S. Messe alle ore 8.30 e 10.30. Alle ore 10.00, si terrà l’omaggio floreale della Città al Monumento di S. Maria a Mare sul Lungomare Amendola, al quale seguirà il corteo dei bambini verso la Collegiata, i quali omaggeranno la Madonna con fiori.
A sera, alle ore 18.00, il Solenne Pontificale presieduto da S. E. Rev.ma Mons. Beniamino Depalma, Arcivescovo – Vescovo Emerito di Nola (NA), già Arcivescovo di Amalfi – Cava de’ Tirreni, e la processione con la Statua lignea di S. Maria a Mare sul Sagrato della Chiesa, accolta dal suono festoso delle campane, da uno scenografico spettacolo di fuochi pirotecnici e dalla musica delle Zampogne. Al rientro in Chiesa, l’atto di affidamento della Città di Maiori alla Madonna e la
reposizione della Statua sul trono con la quale si chiuderà ufficialmente l’Anno
Straordinario, che ha visto svolgersi molteplici iniziative in onore dell’amata Patrona della cittadina costiera.